massimo giusti psicologo coach

Stalking: intervento sulla vittima

Stalking: intervento sulla vittima

Stalking: intervento sulla vittima

La vittima di stalking si trova spesso a chiedere aiuto quando la situazione è uscita fuori controllo. Indipendentemente dalle sensazioni di ansia e paura percepita la nostra valutazione del rischio permette di farci un idea concreta della pericolosità della situazione e scegliere la modalità di intervento più efficace.

Nelle situazioni ad alto rischio è preferibile un approccio prescrittivo e comportamentale, che permette alla vittima di analizzare le sue azioni e, tramite la supervisione dell’esperto, mettere in atto quei comportamenti che hanno maggiore probabilità di cambiare la situazione. Molte vittime ci dicono di aver già fatto tutto il possibile, ma non è mai così. Anche nei casi in cui la vittima ha fatto di tutto per uscirne fuori, si scopre che il suo comportamento è stato poco costante nel tempo, caratterizzato da frequenti incertezze e ripensamenti che hanno prodotto il risultato opposto a quello desiderato. Se non si è interpretato correttamente la situazione basta un piccolo errore a far peggiorare le cose. L’aiuto di un esperto serve a mettere in atto soltanto quelle strategie più efficaci, con adeguata costanza e determinazione.

Successivamente a questo percorso iniziale, o alternativamente ad esso quanto la situazione non ha raggiunto alti gradi di pericolosità, è opportuno un percorso di counseling psicologico che permetta una adeguata elaborazione delle cause che hanno permesso il verificarsi della situazione persecutoria. Un buon lavoro in questa fase può evitare alla vittima di commettere errori simili, evitare di ritrovarsi in una situazione analoga anche se meno grave.

[hr]

Vedi anche:

Apre Postazione Stalking a Firenze

Postazione Stalking a Firenze

Ex difficili da lasciare

Il femminicidio è una questione di uomini?

 

 

Lascia un commento