massimo giusti psicologo coach

L’arte di non prendere decisioni

L’arte di non prendere decisioni

L’arte di non prendere decisioni

 

Capita a tutti, prima o poi, di prendere delle decisioni. Probabilmente sappiamo scegliere le scarpe, i calzini e molto altro ancora, ma le decisioni che implicano una responsabilità no, quelle non ci piacciono e non le vogliamo. Che strano, però, che siano proprio queste a creare più difficoltà. In ogni caso non prendere decisioni crea meravigliosi stati di ansia, stress, frustrazione, abbassa l’autostima….in pratica rende infelici! Hai presente quel senso di pesantezza che provi la mattina prima di lavorare causato dalle mille cose che hai da fare? Per quale motivo eliminarlo? In queste righe scoprirai alcune regole semplici e necessarie per non prendere decisioni.

Trova un problema per ogni soluzione Se per qualche motivo pensando a una scelta trovi una soluzione, capita anche per sbaglio, analizza immediatamente tutte le criticità che presenta individuando problemi e controindicazioni potenziali

Concentrati su ciò che non potrebbe andar bene Se ti concentri sul buono finirai per scegliere, mai scegliere! Individua una cosa che non potrebbe andar bene e fissala bene in testa fin quando non scegli la strada giusta!

Non dare un limite alle domande Interrogarsi fino allo sfinimento è la miglior cosa da fare quando una decisione è complessa o implica responsabilità da adulti. Non limitare le domande, fa come i bambini che non smettono di chiedere perché. Alla fine ti distruggerà ma sarai sempre indeciso e scontento!

Non ti devi concentrare sulla soluzione I problemi esistono e la vita ne offre molti ma mai abbastanza. Tu li puoi ingigantire all’infinito! Basta che immagini ogni conseguenza nefasta che possa capitare e ti ci immergi come in un film estremamente realistico. Quando proverai paure, angosce e sarai tormentato dai dubbi vuol dire che sta funzionando. Non fare questo esercizio con le soluzioni possibili, rischieresti di trovarne qualcuna adatta alla situazione!

Non guardare ai tuoi bisogni Guardando i bisogni degli altri ti perderai dietro alle loro esigenze, al loro sistema di valori, abitudini e forme di competizione. Questo rovinerà la tua autostima, ti farà sentire inadeguato e mai all’altezza producendo uno sgradevole stato di sfiducia che ti impedirà di prendere qualsiasi decisione utile per te stesso!

Lascia un commento