massimo giusti psicologo coach

l’ipnosi e la scoperta del sonnambulismo

l’ipnosi e la scoperta del sonnambulismo

l’ipnosi e la scoperta del sonnambulismo

Il Marchese di Puysegur, studiando l’ipnosi, scopre la sindrome del sonnambulismo

A questo allievo di Mesmer, membro della Societé de l’Harmonie, dobbiamo molte cose. Ma prima facciamo alcuni chiarimenti.

In questo momento il Magnetismo di Mesmer è stato appena discreditato. Ovviamente sono molti gli allievi, alcuni importanti, pochi coloro che posiedono le capacità per comprendere il complesso fenomeno col quale si stanno confrontando. Nei decenni molti abbandoneranno l’uso del magnetismo, si disperderanno e rimarranno in pochi a proseguirne gli usi. Il discredito gettato sul magnetismo favorirà l’uso popolare di tale tecnica al fine di rendere allegro qualche spettacolo teatrale e stupire la gente. Ricordo gia da adesso che il più illustre studioso italiano del fenomeno Ipnosi, Franco Granone, apprese le prime tecniche da un teatrante di passaggio.

Puysegur usava una tecnica simile a quella di Mesmer. Non usava le bacchette o il baquet per mgnetizzare ma un’albero. Ancora era legato a questa idea per cui fosse necessario uno strumento esterno oltre il magnetizzatore per praticare tale metodo. Inoltre non amava le crisi tanto care a Mesmer e tanto spettacolari. Cercava di ridurle il più possibile. Mentre Mesmer praticava con grande teatralità e parlando pochissimo (toccava con le bacchette, i toccamenti saranno chiamati “passi” in ambito ipnotico) egli parlava molto. Notò che un suo paziente, un giovane contadino di nome Victor Race, andava in quello stato che oggi chiamiamo “sonnambulismo“. Il sonnambulismo non era totalmente sconosciuto ma assolutamente sottovalutato da Mesmer e dai suoi allievi, i quali contestarono il marchese trattandolo come un’usurpatore del maestro.

Grazie a Puysegur la parola diventa importante, strumento cardine del magnetizzatore. L’introduzione della parola pone il problema della relazione in ambito terapeutico e permetterà di scoprire molti altri fenomeni dello stato che oggi chiamiamo “trance ipnotica”. Puysegur chiamerà “sonnambulismo” il suo metodo, prendendo le distanze da Mesmer e seguaci, ma manterrà un’altrettanto feroce battaglia contro la medicina fondando una scuola che iniziava anche non medici e ponendo delle regole che ad oggi sono importanti nella pratica della psicoterapia. Per esempio un suo allievo, il conte di Reder, comprendendo che il magnetizzatore possiede idee e aspettative importanti sul paziente, sostiene che queste non devono che essere usate per il suo benessere e non per la sua manipolazione o il suo abuso. Concetti basilari nell’insegnamento della psicoterapia moderna ai nuovi psicoterapeuti!!!

I seguaci del Marchese scoprirono il fenomeno dell’ipermnesia, la glossolalia (parlare lingue sconosciute, fenomeno al quale seppero dare una spiegazione tutt’oggi ritenuta valida. Precoci apprendimenti del linguaggio lasciano tracce mnestiche che in alcuni soggetti possono portare a brevi produzioni orali in lingue che in stato di veglia non sono parlate altrettanto bene. A questa spiegazione va aggiunto che spesso queste produzioni linguistiche, a ben vedere, sono piene di errori o di parole inesistenti). L’amesia post sonnambulica (oggi post-ipnotica) che si verifica al risveglio dalla trance. Questo fenomeno era ritenuto essere una finzione da parte del soggetto e non totalmente compreso. La regressione di età, anch’essa non pubblicizzata perchè l’idea di regredire di età per guarire veniva considerata inappropriata alle concezioni dell’epoca, per cui il bambino era incompleto. Le concezioni freudiane sono lontane ancora più di un secolo e nuoceranno allo stesso Freud.

Inoltre Puysegur sposta l’accento dal fluido magnetico al rapporto tra magnetizzatore e sonnambulo ben più di quanto aveva fatto Mesmer, il che equivale al focus su cui tutta la psicoterapia o quantomeno buona parte di essa si basa tutt’oggi. La relazione terapeuta-paziente!

In quegli anni la Psichiatria andava familiarizzandosi con la sua pretesa di scientificità, certe pratiche ipnotiche erano state associate all’abuso sessuale, alla perdita totale di coscienza e al dominio di una mente su un’altra. A pratiche esoteriche ed il sonnambulismo veniva creduto fenomeno che portava con sé il dono della preveggenza. Esistevano scritti, pamphlet, spettacoli teatrali che sostituendo la via ufficiale della scienza diffondevano il magnetismo nel mondo occidentale accompagnato da quante più credenze bizzarre fosse possibile, al fine di stupire lo spettatore e trarlo in inganno.

Lascia un commento