massimo giusti psicologo coach

la curiosità

la curiosità

la curiosità

La curiosità è uno stato mentale importantissimo da sviluppare per riuscire a superare conflitti, porblemi, raggiungere traguardi e obiettivi. Le persone poco curiose hanno una rigida struttura mentale che loro stessi conoscono poco, cioè ne sono scarsamente consapevoli.

Hanno una bassa attenzione verso l’esterno, conservano più a lungo le abitudini, si irritano maggiormente quando qualcosa va diversamente da come si aspettano.

La curiosità implica uno stato d’animo, cioè il fatto di porsi verso il mondo in modo assolutamente interessato. E’ un processo complesso che guida oltre alle emozioni, pensieri e azioni, atteggiamenti. La curiosità, come altre emozioni, si ricollega a sistemi neurali mesolimbici noti. Nel nostro caso si tratta del Seeking System, un sistema mesolimbico a base dopaminergica ben descritto qui. La persona curiosa ricerca stimoli che possono produrre piacere, soddisfare aspettative, appagare un bisogno. La persona curiosa nella sua ricerca individua nuovi bisogni, nuove aspettative e nuove forme di appagamento.

Quante volte hai litigato col tuo partner perché ha ripetuto la stessa cosa che ti disturba? Trovare il modo (la risposta, il comportamento) che fa capire al partner di cambiare atteggiamento richiede una buona dose di curiosità, e quando sei riuscito in questo ci hai sempre pensato. In altre parole sei stato curioso. Ti sei fatto delle domande.

La persona curiosa si pone mediamente più domande degli altri e trova mediamente più risposte degli altri. Sviluppa cioè la sua intelligenza divergente. Se ti interessa il pensiero divergente guarda questo filmato, si riferisce all’educazione scolastica spiegando in modo brillante cosa sia il pensiero divergente.

Il pensiero divergente sicuramente ha a che fare con la curiosità e implica un bassissimo utilizzo delle negazioni in favore delle alternative. Per un breve approfondimento sullo stile di pensiero adeguato a questo scopo leggi qui

Le persone curiose imparano cose nuove, attivano la loro attenzione e le loro percezioni in modo vivace, riescono a stupirsi di ciò che conoscono e grazie a questo possono sperimentare altri stati emotivi importanti. La curiosità è importante per sviluppare se stessi, conoscere gli altri e migliorare in ciò che si fa.

Come tutti gli stati emotivi è possibile modularlo, vedi questo articolo per approfondimenti

Lascia un commento