massimo giusti psicologo coach

Invidia, istruzioni per l’uso

Invidia, istruzioni per l’uso

Invidia, istruzioni per l’uso

L’invidia è un’emozione fantastica, ti porta a paragonarti agli altri in ciò che fanno meglio, assumendo i loro bisogni come tuoi e facendoti perdere di vista te stesso e i tuoi obiettivi. Personalmente non conosco molte emozioni efficaci come l’invidia per allontanarti da ciò che desideri essere.

lentamente ti conduce a vedere ciò che gli altri hanno in più di te, col tempo impari a ritenere quelle cose migliori delle tue. Impari a confrontarti con le persone che invidi nel loro campo da gioco, perdendo spesso perché è il loro gioco, non il tuo!

In questo modo, col tempo, ti convinci di valere poco, essere da meno, essere diverso da come sei. Non c’è cosa peggiore di convincersi di essere diversi da come si è, una splendida parodia di questo processo è contenuto nel film Tutto sua madre. Non parla dell’invidia ma l’invidia conduce anche a questo, imitare le persone a cui crediamo di dover somigliare.

Chi prova invidia non ha bisogno di molte spiegazioni, conosce la differenza tra l’invidia negativa e quella positiva. La prima contiene parte di ammirazione e stima, compagne di viaggio che ti aiutano a vedere le cose da una prospettiva più ampia, imparando da chi è più bravo. La seconda, l’invidia negativa, sfocia nella ruminazione, nello star male, nella rabbia o nella fuga. Puoi superarla, sempre!

Ogni mattina, quando ti alzi, va allo specchio e di a te stesso che l’unica persona di cui devi assolutamente essere migliore oggi SEI TE STESSO! fine della discussione. Impegnati a migliorare ciò che fai, che sai fare o imparare ciò che vorresti conoscere. Dedica del tempo, quando fai qualcosa, a chiederti se davvero ciò che fai è ciò che vorresti fare in quel preciso istante. Tre settimane in questo modo e scoprirai che funziona.

 

Lascia un commento