massimo giusti psicologo coach

Innamoramento e Ossitocina

Innamoramento e Ossitocina

Innamoramento e Ossitocina

Il nostro organismo non può tollerare a lungo lo tsunami della passione, quindi lentamente le emozioni si attenuano e il legame si può rompere o rafforzarsi con il piacere e la felicità a stare insieme. L’innamoramento, inteso come emozione, si trasforma quindi in amore affettivo. Ciò significa che l’interpretazione e l’organizzazione della realtà esercitata dalla coscienza, in quanto governata dall’affettività, funziona meglio se viene modulata dalle emozioni (cioè la parte istintiva)

L’ormone che stimola l’affetto reciproco e l’attaccamento ai figli è l’ossitocina, prodotta dall’ipofisi. L’ormone sembra sia anche il responsabile della fedeltà,  regola la temperatura corporea, controlla la pressione sanguigna, alza le difese immunitarie. Ma, una delle cose più importanti è che l’ossitocina viene sprigionato, e fa da “colla”, nei legami affettivi che si instaurano tra le persone. Inoltre si pensa che l’ossitocina abbia un effetto sull’invecchiamento: infatti le persone che fanno l’amore almeno 2-3 volte a settimana dimostrano in media dieci anni in meno rispetto all’età reale. Ve bene anche masturbarsi in mancanza di partner.

L’Endorfina, ha un effetto analgesico e calmante, per questo la presenza del partner che ne stimola la produzione, porta calma e senso di rilassamento riducendo l’ansia.

Lascia un commento