Dr Massimo Giusti

Il tranello dell’accettazione

Il tranello dell’accettazione

Il tranello dell’accettazione

L’accettazione è un tranello e una benedizione.
È sicuramente un atteggiamento adulto. Accettare una condizione, un dato di fatto, qualcosa che non puoi cambiare per quanto doloroso possa essere. Di certo sono cose indispensabili per vivere con un minimo di serenità.

Ma accettare passivamente ti spinge a mantenere le cose come sono. Senza migliorarti, senza desiderare qualcosa di nuovo, senza agire per cambiare una situazione.

Una piccola (piccola!) dose di stress, insoddisfazione o leggera ansia sono persino desiderabili. Andrebbero ricercate se vogliamo sfidarci quanto basta per crescere e migliorarci.

Ma attenzione. Se la fonte di stress supera eccessivamente la nostra zona di comfort il rischio è di non essere in grado di gestire la sitiazione.  

In questo caso lo stress diventa distruttivo perché siamo incapaci di trasformarlo in energia positiva per crescere. 

Per ridurre il rischio di trovarci in situazioni troppo al di là delle nostre capacità di adattamento dobbiamo abituarci a piccoli e ripetuti stress che ci aiutano a tenere allenata la nostra resilienza. Cioè la capacità di affrontare situazioni difficili in modo costruttivo e positivo. 

Basta porre fine ad alcune “comodità”. Per esempio smettere di cercare la via più facile. Iniziare attività che richiedono una certa disciplina come può essere lo sport ma anche la disciplina alimentare. Iniziare a fare cose nuove, che escono fuori dagli schemi della consuetudine. 

Proprio queste semplici attività (semplici per modo di dire) favoriscono il nostro spiritp di adattamento. 

Massimo Giusti

Lascia un commento