Dr Massimo Giusti

Il segreto del pensiero positivo

Il segreto del pensiero positivo

Il segreto del pensiero positivo

Il pensiero positivo è uno degli aspetti della psicologia positiva più fraintesi in assoluto. Spesso è proposto come un modo piuttosto ingenuo di immaginarsi il futuro e questa visione semplicistica è decisamente lontana dalla realtà. In questo articolo ti svelo il segreto del pensiero positivo, in modo che tu possa comprendere realmente come funziona e di cosa si tratta.

Ti sei sicuramente accorto che alcune persone riescono ad affrontare le avversità in modo più resiliente, queste persone hanno un modo di pensare, appreso nel tempo e con l’esperienza, che gli permette di affrontare le avversità più costruttivamente. Vediamo come!

Chi riesce a mantenere uno stato d’animo positivo durante una sfida, un compito, una prestazione sportiva o intellettuale, di fronte ad una dfficoltà o persino ad un trauma, riesce ad avvicinarsi per quanto possibile alla massima espressione del proprio potenziale. Ti faccio alcuni esempi.

Immagina una persona che sta affrontando una malattia, poniamo caso che abbia il 60% di possibilità di superarla. Lasciandosi andare ad un pensiero pessimista e negativo sarà portata a fare scelte peggiori, che abbassaranno quel 60% di alcuni punti percentuali importanti. A questo si aggiungono le difficoltà di un organismo che si sta preparando al peggio e quindi ecco altri piccoli punti percentuali abbassarsi. La psiconeuroimmunobiologia ci dice molto di come un approccio positivo e compliante migliori anche la reazione del nostro organismo alle cure, agli effetti collaterali delle cure e dunque rispetto alla malattia.

Una persona che sta vivendo una crisi di coppia se pensa negativamente si concentrerà sugli elementi problematici e sarà portato ad affrontare le cose con disillusione e pessimismo. Questo condurrà a credere meno nella possibilità di superare la situazione e quindi i suoi tentativi saranno poco determinati.

Purtroppo molti pensano che il loro atteggiamento non conti nella vita, solitamente chi ha questo atteggiamento tende a vivere con maggiori sensazioni negative la propria esistenza e a non dare sempre il meglio di sé quando conta. Una persona fatalista si impegnerà meno per migliorare le cos tendendo ad accettare più facilmente l’esito negativo di una situazione.

Chiunque abbia vissuto in prima persona o da vicino alcune delle situazioni che ho descritto sa esattamente di cosa parlo.

Se chiedi a qualcuno cosa vorrebbe dire “pensare positivo” nelle situazioni che ti ho descritto probabilmente ti direbbe qualcosa del genere.

  1.  Nel caso della malattia pensare positivo significherebbe pensare che tutto andrà bene e si risolverà per il meglio.
  2. Nel caso della coppia significherebbe pensare che le cose si sistemeranno e troveremo l’armonia perduta.

Anche se questo modo di pensare può distoglierti dalle ansie del momento, in realtà ti distoglie anche dai fatti concreti della vita. Se hai un problema col partner lo devi affrontare, se ne hai uno fisico anche quello deve essere affrontato.

I problemi non sono come la frutta dell’albero, che prima o poi cade e marcisce. I problemi se non li affronti non smettono mai di crescere.

Non è il passare del tempo che risolve le cose ma il modo in cui lo impieghi. Capirlo ti migliora la vita.

Un concreto esempio di pensiero positivo negli esempi che ti ho fatto potrebbe essere questo.

  1.  Nel caso della coppia il partner che adotta uno stile di pensiero positvo potrebbe pensare qualcosa del genere: Non mi sono accorto che certe situazioni erano più importanti di quel che pensavo, da adesso in poi metterò più attenzione alle piccole cose che ho trascurato e anche se dovessi sembrare impacciato mostrerò quanto ci tengo a migliorare.
  2. Nel caso della malattia potrebbe pensare qualcosa del genere: Seguirò le cure, mi godrò ogni momento di benessere col massimo impegno e vivrò la vita pienamente. Mi impegnerò il più possibile nel fare ciò che mi può aiutare.

Come puoi notare il pensiero positivo non ha a che fare con sogni irrealizzabili che non tengono in minimo conto i limiti reali delle situazioni che viviamo. Pensare positivo significa il contrario, accettare queste limitazioni immediatamente e darsi la possibilità di affrontarle nel modo migliore. Concentrarsi sui piccoli risultati e sulle cose che possiamo fare per raggiungere un nostro obiettivo.

Spero che questo articolo ti sia stato d’aiuto.

A presto!

Massimo Giusti


Lascia un commento