massimo giusti psicologo coach

come puoi liberare le tue emozioni

come puoi liberare le tue emozioni

come puoi liberare le tue emozioni

Come puoi liberare le tue emozioni? Molti ritengono che le emozioni debbano essare tenute a bada e controllate, al contrario c’è chi ritiene che debbano essere vissute pienamente in ogni momento.

Che le emozioni siano tenute a bada o lasciate circolare liberamente, in entrambi i casi, sono incatenate a un modo di viverle che ti impedisci di sperimentare il pacchetto completo del vissuto emotivo!

Mi spiego meglio. I bambini vivono stati emotivi totalizzanti, quando sono tristi i bambini sono la tristezza, quando sono felici essi sono la felicità! Vivono pienamente le emozioni nel qui ed ora, richiamati dagli adulti a comportarsi in modo adeguato al contesto. Un adulto che sperimenta a quel modo le emozioni non viene giudicato molto bene. Caratteristica degli adulti è quella di comprendere ciò che gli sta accadendo senza esserne completamente dominati, non a caso Daniel Goleman parla di Intelligenza Emotiva, un concetto molto interessante che ha rivoluzionato il modo di pensare all’emotività e che spiega bene che esiste una forma di intelligenza emotiva che ti permette di vivere pienamente la vita senza esserne travolto.

Le persone più felici sono quelle dotate di grande intelligenza emotiva!

Dall’altra parte abbiamo quelli che le tengono a bada e devono vivere una vita iper razionale senza concedersi mai del tutto. Forse le società occidentali di questa epoca apprezzano maggiormente la razionalità, ma le società occidentali non sono costruite per essere felici. A tal proposito consiglio di leggere qualcosa di Stefano Bartolini, che a Siena tiene la cattedra di economia della felicità (si si, economia della felicità) e non è lo slogan di un centro commerciale!

In sintesi anche gli iper razionali, tanto apprezzati e preparati, hanno i loro problemi ad esser felici!

Quindi come puoi liberare le tue emozioni senza cadere nel tranello dei super sentimentali che empatizzano anche col posacenere rotto e l’esercito di bianchi colletti iper razionali che vivono la vita in base ad un semplice rapporto tra addizioni e sottrazioni?

Sono in molti ad aiutarci, la fenomenologia di Husserl, la Psicologia Positiva, la PNL e la Mindfullness alla fine fine sostengono più o meno la stessa cosa. Dobbiamo imparare a vivere in prima persona, dobbiamo imparare ad empatizzare con gli altri e dobbiamo imparare a vederci dall’estern.

Mercoledì 5 ottobre approfondirà il tema della posizioni percettive.

Ti aspetto in via della Cernaia 72 alle 21.00

Lascia un commento