massimo giusti psicologo psicoterapeuta e life coach

Cambiare se stessi cambiando abitudini mentali

Cambiare se stessi cambiando abitudini mentali

Cambiare se stessi cambiando abitudini mentali

Il famoso psicologo William James scrisse che la più grande scoperta della sua generazione fu quella di di aver capito che le persone potevano cambiare se stesse cambiando abitudini mentali. Ecco perché è vero.

William james, noto per le sue impareggiabili intuizioni nel campo della psicologia, non poteva sapere che il nostro cervello è composto da milioni (miliardi) di cellule interconnesse tra loro. All’epoca erano ancora incerti se il cervello fosse o meno una massa unica.

Il fatto è che le connessioni neurali si stabilisticono proprio in base alle abitudini che abbiano. Se una persona ha dei genitori depressi potrebbe apprendere a pensare negativamente alle cose, ripescare continuamente ricordi negativi dal passato e vivere in uno stato frequente di demotivazione.

Una bambina allevata da genitori ansiosi potrebbe apprendere che ogni situazione può nascondere un pericolo, sentirsi angosciata per inizie oppure bloccata dal timore di sbagliare.

Chi soffre di claustrofobia spesso ha avuto esperienze in cui si è sentito chiuso, senza speranze o possibilità di scelta. Anche in ambito relazionale.

Le nostre esperienze condizionano il nostro modo di pensare, e questo condiziona le nostre connessioni neurali. Questo implica alcune cose importanti da conoscere.

  1. E’ possibile modificare il nostro assetto mentale (negli esempi depressivo, ansioso o claustrofobico) col tempo. Una volta che un comportamento viene appreso cambiarlo significa apprenderne uno nuovo
  2. Quando una persona ha costruito un assetto mentale specifico quello diventa la sua realtà
  3. Un assetto mentale consolidato nel tempo è ciò che chiamiamo “spontaneità”. Ci viene spontaneo fare ciò che facciamo più spesso
  4. Più un assetto mentale è consolidato nel tempo e più quella persona avrà bisogno di aiuto per modificarlo

Come fare, però, per modificare il porprio modo di essere cambiando abitudini mentali? Ecco alcuni consigli.

  1. Immagina esattamente chi vorresti essere. Vediti, osservati, guardati, sogna ad occhi aperti. Fa tutto ciò che è necessario per costruire un immagine mentale del “te stesso futuro”.
  2. Quali sono le cose che pensa quella persona? Quali sono le sue abitudini? Se il te stesso futuro pensa esattamente le stesse cose che pensi adesso ed ha esattamente le stesse abitudini, può significare soltanto due cose: o ti piaci così come sei o non hai costruito necssuna immagine di un te stesso futuro, forse dovresti prendere più sul serio l’idea del cambiamento!
  3. Scrivi su un foglio due o tre abitudini mentali e comportamentali che fa quel te stesso futuro. Per esempio sorride alle persone, fa molte domande sugli altri, si incuriosisce di fronte alle novità. Cose del genere.
  4. Adesso inizia a praticare una per una quelle abitudini. Puoi trovarti di fronte a qualcosa di nuovo e fare domande su come funziona esattamente; quando sei in compagnia degli altri anziché parlare di te stesso fa domande sulle vite altrui; Sorridi più spesso a chi incontri, compresi gli sconosciuti.
  5. Nel tempo, questi piccoli cambiamenti, saranno più facili. Modificheranno le tue esperienze. E’ ben diverso parlare di sé stessi con qualcuno o chiedergli della sua vita. Ogni piccola abitudine costruirà una serie di esperienze differenti che ti faranno provare sensazioni diverse e questo modificherà te stesso!

Lascia un commento